Avviso pubblico

AVVIO DI INIZIATIVE DI AUTOIMPIEGO, IN FORMA DI LAVORO AUTONOMO, NEI NUOVI BACINI DI IMPIEGO

AVVISO PUBBLICO
PER L’AVVIO DI INIZIATIVE DI AUTOIMPIEGO,
IN FORMA DI LAVORO AUTONOMO,
NEI NUOVI BACINI DI IMPIEGO
Finalità
Il Progetto Pilota prevede la realizzazione di un Programma Triennale a sostegno alla creazione di impresa anche in forma di lavoro autonomo.
Beneficiari
Persone fisiche che intendono avviare un’attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Che siano:
- maggiorenne alla data di presentazione della domanda
- non occupato alla data di presentazione della domanda
- residente in Calabria da almeno sei mesi dalla data di presentazione della domanda.
La sede amministrativa ed operativa della ditta individuale deve essere localizzata nel territorio della regione Calabria.
Non possono presentare domanda di agevolazione i titolari delle ditte individuali e le persone fisiche socie di società già beneficiarie di agevolazioni.
La ditta individuale deve essere costituita dopo la presentazione della domanda.
Ai fini dell’accertamento del possesso dei requisiti di ammissibilità la Regione Calabria, anche attraverso le proprie Agenzie “In House”, potrà richiedere informazioni aggiuntive alle Camere di Commercio, alle Pubbliche Amministrazioni, agli Ordini Professionali, e ad altri Soggetti incaricati della tenuta di registri o elenchi.

Risorse finanziarie
La dotazione finanziaria disponibile per l’attuazione dell’Avviso ammonta a 12.500.000,00 € per il finanziamento di circa 500 nuove iniziative di lavoro autonomo.

La dotazione finanziaria è ripartita per le 5 Province della Calabria secondo le percentuali di seguito riportate:
- Provincia di Catanzaro: 18,57%
- Provincia di Cosenza: 36,31%
- Provincia di Crotone: 8,57%
- Provincia di Reggio Calabria: 27,92%
- Provincia di Vibo Valentia: 8,63%

Attività finanziabili
Servizi della Vita Quotidiana
- Servizi a Domicilio.
- Preparazione e/o consegna a domicilio dei pasti.
- Consegna di merci a domicilio e servizi di accompagnamento degli anziani.
- Utilizzazione di infrastrutture esistenti per l’offerta di altri servizi
- Lavanderie, con sistemi di abbonamento per i privati.
- Agenzie per servizi amministrativi.
- Custodia dei Bambini.
- Cura ed educazione per bambini non in età scolare.
- Attività sportive per bambini in età scolare.
- Nuove Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione
- Servizi alle singole persone nel campo della cultura, salute, comunicazione e tempo
libero (telemedicina, formazione a distanza, informazioni, turismo, telelavoro).
- Servizi alle imprese (informazione economica, servizi commerciali, contabilità a
distanza, assistenza specializzata).
- Servizi pubblici (telelavoro, teleservizi, accesso a base di dati, servizi informativi e
amministrativi).
- Aiuto ai Giovani in Difficoltà e per l’Inserimento Lavorativo.
- Aiuto nello studio a casa.
- Alfabetizzazione.
- Centri di inserimento professionale
- Prevenzione della delinquenza e dell’uso della droga.
Servizi per Migliorare la Qualità della Vita.
- Miglioramento dell’Alloggio.
- Ristrutturazione delle abitazioni vecchie.
- Manutenzione delle abitazioni e servizi connessi.
- Sicurezza.
- Servizi di sorveglianza e di accoglienza.
- Installazione di apparecchiature di sicurezza.
- Parcheggi.
- Telecontrollo.
- Trasporti Collettivi Locali.
- Nuove forme di organizzazione di trasporto collettivo (autobus a chiamata, taxi
collettivi, ecc.).
- Servizi di relazioni con il pubblico (attività di assistenza a particolari categorie
svantaggiate, attività connesse alla sicurezza, all?informazione e alla custodia dei
veicoli).
- Rivalutazione degli Spazi Pubblici Urbani.
- Manutenzione degli spazi pubblici.
- Recupero dei quartieri di aree urbane.
- Iniziative economiche e commerciali connesse alla rivalutazione degli spazi urbani.
- Servizi Commerciali di Prossimità.
- Commercio nelle zone rurali.
- Negozi in quartieri urbani periferici.
- Centri multi servizi in zone svantaggiate.
Servizi Culturali e del Tempo Libero.
- Turismo.
- Turismo rurale e culturale.
- Servizi di accompagnamento e di accoglienza turistica.
- Nuovi servizi turistici telematici.
- Audiovisivo.
- Produzione e distribuzione di film.
- Produzione e distribuzione di programma televisivi.
- Video a domicilio
- Televisione interattiva.
- Accesso a distanza di biblioteche e musei.
- Valorizzazione del Patrimonio Culturale.
- Creazione e restauro di siti.
- Attività di restauro del patrimonio culturale.
- Servizi di diffusione della cultura e accoglienza turistica.
- Mantenimento e custodia siti.
- Sviluppo Culturale Locale.
- Attività di valorizzazione di risorse e attività culturali locali (varietà, musica, folklore,
teatro, gastronomia, artigianato, ecc.).

Servizi Ambientali.
- Gestione dei Rifiuti.
- Raccolta differenziata e trattamento dei rifiuti (vetro, metallo, fibre, plastica, materiali
deteriorabili).
- Attività di ricerca per il riutilizzo dei materiali recuperati.
- Nuove tecniche di automazione del trattamento dei rifiuti.
- Gestione delle Acque.
- Realizzazione e gestione di infrastrutture idriche.
- Servizi di ricerca tecnologica e trasferimento del know how.
- Assistenza alla gestione delle infrastrutture idriche.
- Sfruttamento turistico e sportivo delle risorse idriche.
- Protezione e Manutenzione degli Spazi Naturali.
- Attività di tutela e manutenzione delle zone naturali.
- Attività di ricerca agronomica.
- Creazione e gestione di parchi naturali e riserva.
- Regolamentazione, Controllo dell?Inquinamento e dei Relativi Impianti.
- Fornitura di beni o servizi legati a tecnologie meno inquinanti.
- Esportazione di know?how e di tecnologie fuori dall’Europa.
- Sviluppo e applicazione delle nuove tecnologie di risparmio energetico.
- Miglioramento gestionale dei sistemi di controllo dell’inquinamento.

Agevolazioni
Le agevolazioni previste sono di due tipi:

Agevolazioni Finanziarie
Le agevolazioni finanziarie concedibili sono:
- per gli investimenti (macchinari, attrezzature, impianti, beni immateriali a utilità pluriennale, ristrutturazione di immobile) un contributo a fondo perduto e un finanziamento a tasso agevolato, a copertura del 100% degli investimenti ammissibili;
- per la gestione (materiale di consumo, canoni di locazione, oneri finanziari), un contributo a fondo perduto sulle spese relative al 1° anno di attività.
Il finanziamento a tasso agevolato per gli investimenti è pari al 50% del totale delle agevolazioni finanziarie concedibili, e non può superare l’importo di 15.494 €.
Il tasso di interesse è pari al 30% del tasso EURIBOR di riferimento vigente alla data di stipula del contratto di finanziamento in base alla normativa comunitaria.
Il finanziamento a tasso agevolato è restituibile in cinque anni, con rate trimestrali costanti posticipate.
Il contributo a fondo perduto per gli investimenti è pari alla differenza tra gli investimenti (ritenuti ammissibili) e l’importo del finanziamento a tasso agevolato.
Il contributo a fondo perduto per le spese di gestione del 1° anno non può superare
l’ammontare massimo di 5.165 €.
La spesa per l’IVA non è ammissibile.
Servizi di Sostegno
Nella fase di realizzazione e di avvio dell’iniziativa sono previsti servizi totalmente gratuiti di assistenza tecnica e gestionale per un periodo massimo di un anno, erogati:
- direttamente dall’Amministrazione Regionale, attraverso le proprie Agenzie “In House”;
- ovvero da uno o più Soggetti selezionati con un bando pubblico dall’Amministrazione Regionale.

I servizi hanno l’obiettivo di accompagnare il beneficiario durante l’iter di presentazione della domanda di partecipazione, di erogazione delle agevolazioni e di rafforzarne le competenze gestionali in fase di start up della iniziativa.
In particolare saranno attivati i seguenti servizi di sostegno e di affiancamento:
a) Seminari Informativi. La partecipazione a tali seminari faciliterà i Soggetti richiedenti le agevolazioni nella comprensione delle principali parti di cui è composta la domanda e consentirà loro la compilazione della stessa in autonomia.
b) Assistenza Gratuita, per ogni ulteriore informazione ed approfondimento.
c) Help Desk On Line, attraverso accessibile dal sito della Regione Calabria
(www.regione.calabria.it/formazionelavoro/)a cui poter inviare eventuali richieste di
informazione e di assistenza.
Per lo Start Up dell’iniziativa sono previste:
a) Corsi e/o Moduli di Formazione a Catalogo, sulle tematiche generali della gestione delle attività di impresa.
b) Voucher di Formazione Individuale, dell’importo massimo di 2.500 €, per partecipare a corsi e moduli formativi non compresi nel catalogo regionale ed erogati da Soggetti pubblici e privati a condizioni di mercato.
c) Servizi di Tutoraggio, attraverso l’assegnazione, ove richiesta, di un Tutor che accompagnerà l’impresa individuale nei primi sei mesi di attività garantendo un impegno massimo di 80 ore di consulenza?formazione.

Presentazione della domanda
Per accedere:
a) registrarsi sul sito della Regione Calabria (www.regione.calabria.it/formazionelavoro);
b) redigere e compilare on line sul sito della Regione Calabria (www.regione.calabria.it/formazionelavoro/) la Domanda di Agevolazione che dovrà contenere indicazioni in merito al proponente e all’idea ;
c) redigere e compilare on line sul sito della Regione Calabria (www.regione.calabria.it/formazionelavoro/) gli Allegati 1, 2 e 3 che attestano l’esistenza dei requisiti di legge e il rispetto delle normative sulla tutela della privacy e sull’antiriciclaggio;
d) stampare e inviare la Domanda di Agevolazione e gli Allegati senza alcuna modifica,
tramite raccomandata A.R., insieme alla copia originale dei preventivi relativi agli
investimenti da realizzare, al seguente indirizzo:
Regione Calabria
Dipartimento 10 – Lavoro, Formazione, Politiche Sociali, Volontariato e Cooperazione
Via Lucrezia della Valle
88100 Catanzaro
L’istruttoria e la valutazione delle Domande di Agevolazione sarà effettuata “a sportello” secondo l’ordine cronologico di arrivo della documentazione, a partire dal 9 giugno 2008.
Valutazione
L’istruttoria e la valutazione della domanda sarà “a sportello” secondo l’ordine cronologico di arrivo e prevede le seguenti fasi:
- la verifica formale (preliminare) della domanda presentata, volta ad accertare la
sussistenza dei requisiti
- la valutazione di merito, che sarà effettuata da una Commissione di Valutazione
costituita da tre Esperti nominati dall’Amministrazione Regionale, sarà basata su criteri
che riguardano la coerenza tra il profilo del proponente e l’idea imprenditoriale, la
fattibilità tecnico economica dell’iniziativa e l’effettiva e immediata realizzabilità. Questa valutazione è articolata in due fasi:
- l’analisi della domanda presentata;
- un colloquio con il soggetto richiedente le agevolazioni.

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Non ci sono commenti